Mercato Immobiliare 2017 è il momento giusto per investire?

Mercato Immobiliare 2017Mercato Immobiliare 2017 abbiamo letto sulle principali testate del settore che Bankitalia, Standard & Poor’s, CBRE e ISTAT sono d’accordo  sull’andamento sensibilmente positivo del mercato immobiliare italiano con prospettive di fiducia per il prossimo anno.

Mercato Immobiliare 2017 – analisi

In particolare, per entrare nel dettaglio di ciascuna analisi, partendo da Bankitalia, le metriche più interessanti, oltre alla valutazione e alle aspettative sulla produzione, con un prodotto interno lordo in crescita del +1,4%, riguardano il risultato di una ricerca del secondo semestre 2017 diretta a 1.300 agenti immobiliari.

Rispetto alla stessa ricerca effettuata lo scorso anno, il clima del settore real estate risulta sicuramente più ottimista, anche grazie alle più agevoli concessioni di mutui per l’acquisto della prima casa nell’ultimo semestre.

Sempre da Bankitalia arriva un altro dato importante, nel primo trimestre 2017 comparando le vendite di immobili a Milano, risulta una grande differenza tra gli immobili venduti attraverso tecniche di home staging, con una media di 58 giorni per essere venduti, e di immobili venduti senza alcuna tecnica di home staging, dove la formalizzazione della vendita puo’ far attendere il propietario fino a 6 mesi.

Passando all’agenzia americana di rating Standard & Poor’s, che ha di recente analizzato l’andamento delle prospettive del settore immobiliare nel vecchio continente, sono attesi in Italia nei prossimi due anni aumenti dei prezzi degli immobili saliranno tra lo 0,5% e l’1%, a seguito di un lungo periodo di calo dovuto alla lenta ripresa dell’economia italiana.

Le transazioni immobiliari continuano a registrare una crescita positiva in media sul terriorio nazionale con un rialzo del 16% negli ultimi 12 mesi. I maggiori centri urbani, come Milano, Roma, Torino e Firenze registrano valori in netto rialzo sia per gli affitti che per le vendite. 

Mercato Immobiliare 2017 – Investimenti internazionali +58%

L’analisi di CBRE, diversamente dalle precedenti, riguarda la prospettiva di investimenti internazionali. Ben 5,8 miliardi investiti da investitori internazionali in Italia nel 2017, un tasso di crescita oltre il 58% rispetto al 2016, sia come numero di transazioni che come importo medio per transazione.

Per i classici indicatori del mercato immobiliare, ISTAT dichiara che nei primi sei mesi del 2017, gli affitti in Italia sono cresciuti dell’1,77%, mentre lo stesso indicatore nella città di Milano ha registrato un + 3,56% annuale.

Per quanto riguarda le vendite, il numero di transazione si mantiene stabile, con un picco positivo per la città di Milano, dove nei primi 6 mesi del 2017 il numero di transazioni è aumentato di +15.600 rispetto ai 6 mesi precedenti.

Un dato interessante relativo al mercato immobiliare riguarda il numero di anni di pagamento dei canoni d’affitto corrispondenti all’importo di acqusito dell’immobile, sono 16,6 anni per Milano e 20 anni per Roma.

Housers

 

 

471total visits,6visits today

Questa voce è stata pubblicata in Immobiliare news, Italia news, Notizie e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento